venerdì 12 ottobre 2012

Donnie Darko


"Svegliati. Ti ho osservato a lungo. Sono qui, vieni. Più vicino. 28 giorni, 6 ore, 42 minuti, 12 secondi. Ecco quando il mondo finirà." -Frank

"Donnie Darko" è un film del 2001, debutto del regista Richard Kelly che ne ha curato anche soggetto e sceneggiatura. Ha riscosso un successo mondiale solo nel 2004 grazie ad un passaparola tra appassionati di cinema, e ora è ritenuto uno dei migliori film della storia. Tanto che nel 2004 è stato riproposto nelle sale in versione Director's Cut, raggiungendo più di € 2.000.000 di incassi solo in Italia. Questa prima opera di Richard Kelly è così divenuta un cult.
Donnie Darko è un ragazzo in piena età adolescenziale che, oltre ai problemi dell'età, soffre di schizofrenia ed è sotto cura tra analisi e psicofarmaci. Durante la notte del 2 ottobre 1988, il motore di un aereo precipita dal cielo e cade nella sua camera da letto: Donnie viene salvato da Frank, un amico immaginario travestito da coniglio che lo seguirà per tutto il film cercando di dare un senso alla sua "salvezza". Dalla notte dell'incidente cominceranno a verificarsi una serie di curiosi avvenimenti, concatenati tra loro come ingranaggi, che troveranno spiegazione solo a fine film. Una pellicola dal carattere fantascientifico che tratta anche di filosofia e viaggi temporali, con una cadenza narrativa ordinaria curata dalla mano di Richard Kelly e da un montaggio e una colonna sonora eccezionali, che tengono l'osservatore sospeso e ipnotizzato fino alla fine.

Opinione personale. Cercherò di essere il più obiettivo possibile tralasciando per un attimo che si tratta del mio film preferito. Si tratta dell'inaspettato successo d'esordio di Richard Kelly che dirige questo capolavoro a soli 25 anni. Un film che meritava senz'altro l'Oscar come miglior film, miglior attore per Jake Gyllenhaal, miglior sceneggiatura e miglior colonna sonora (compreso l'Oscar per miglior canzone visto che "Mad World" di Gary Jules rientra al primo posto come miglior cover di tutti i tempi). Purtroppo come spesso accade con registi esordienti sconosciuti, vengono lasciati passare al cinema senza troppo riguardo. 
Eppure ci troviamo di fronte ad una vera perla. Ogni scena è studiata nel minimo particolare trattando moltissimi temi e lasciando al pubblico variegate interpretazioni. A mio parere un film per niente facile; ritengo infatti sia una delle pellicole più complesse che abbia mai visto. Ho rivisto "Donnie Darko" svariate volte prima di aver chiaro i molteplici significati che il regista ha voluto attribuire alla storia. Non c'è una interpretazione univoca del film poiché, come lo stesso regista ha dichiarato in più occasioni, "la pellicola si presti e si debba prestare comunque a più livelli di lettura, anche molto personali". La figura di Donnie, così fragile e disturbata, si fa conoscere pian piano rivelando una personalità forte e decisa; affascina lo spettatore che a sua volta si fa coinvolgere dai pensieri del protagonista e insieme a lui cerca di svelare il senso della storia. E fidatevi che anche a se a primo impatto non sembra, un senso c'è.
Nota di merito vanno agli effetti speciali, che per essere del 2001 sono davvero ben fatti. Riguardo al cast, oltre a Jake Gyllenhaal che a mio parere meritava l'Oscar, vi fanno parte anche la sorella Maggie Gyllenhaal (che nel suo ruolo mantiene la stessa parentela con Donnie), Patrick Swayze e Drew Barrymore. Ottima interpretazione di quest'ultima nella parte di un'insegnante, che riesce ad emergere con la sua recitazione nonostante il ruolo abbastanza marginale. Un'ultima considerazione va alle ipnotiche ed enigmatiche musiche di Michael Andrews, che si addicono alla perfezione al film.
Fantastico, semplicemente incredibile. Il film più bello che abbia mai visto.

Informazioni generali. Titolo originale: Donnie Darko. Paese: USA. Anno: 2001. Durata: 133 min. Genere: Fantascienza, drammatico. Regia: Richard Kelly. Sceneggiatura: Richard Kelly.

Attori principali. Jake Gyllenhaal: Donnie Darko. Jena Malone: Gretchen Ross. Drew Barrymore: Karen Pomeroy. Patrick Swayze: Jim Cunnigham.

Consigliato. Assolutamente Si! Il più bel film che abbia mai visto.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...