giovedì 31 gennaio 2013

Stonato Melodioso


Ho il piacere di presentarvi un cortometraggio per la regia di Lorenzo Scaldaferro, fotografo padovano, che ha sviluppato questo progetto assieme ai ragazzi  della Onlus Insieme per Comunicare di Thiene (VI). Il tutto è stato finanziato dal CSV (Centro Servizi per il Volontariato) di Vicenza mentre Canon Italia, con cui Lorenzo aveva già precedentemente lavorato ad altri progetti simili, ha fornito il supporto tecnico necessario. A Canon è piaciuto molto e nel 2011 l'ha presentato a Fotografica, che è forse la manifestazione legata all'immagine più importante in Italia. Infine nel 2012 il corto ha vinto il premio alla creatività al concorso So.Docu organizzato dal Consorzio CGM.
Con questo filmato abbiamo davanti un ottimo esempio di come sia possibile realizzare un progetto di qualità con i mezzi che si hanno a disposizione, collaborando con colleghi, studenti e amici. Ma soprattutto ci trasmette quanto grande sia la soddisfazione nel dare voce a chi ogni giorno ha difficoltà a farsi sentire. I protagonisti sono infatti dei ragazzi autistici, che tramite questo filmato hanno l'opportunità di esprimersi e dimostrare quanto valgono, in una storia semplice quanto significativa.

Riguardo questo progetto Lorenzo Scaldaferro ha detto:
" L'idea di questo cortometraggio è arrivata dopo un'esperienza fotografica con i ragazzi, che mi ha permesso di conoscerli e comprenderli. Molto spesso vengono discriminati e ostacolati nelle loro attività a causa della loro difficoltà a comunicare, perciò l'intento di quest'opera è superare i preconcetti che si hanno nei loro confronti, far capire che sono molto intelligenti e capaci. Per questo abbiamo inserito nei dialoghi i testi integrali detti realmente da loro e abbiamo cercato di mostrare un modo col quale riescono ad esprimersi: la comunicazione facilitata, sulla quale ci sono state critiche in quanto alcuni sostenevano che in realtà non erano i ragazzi a scrivere. Non è così, il facilitatore ha il compito di calmarli e dare il giusto ritmo, ma sono loro a scrivere e questo permette loro di confrontarsi, esprimere desideri, gioie e disagi, quindi per loro è un grande strumento. C'è una curiosità dietro alla scelta del nome di questo cortometraggio: chiesi ai ragazzi un titolo e uno di loro, Fabio, disse questa cosa incredibile che in una frase li descrive perfettamente "violino stonato musica melodiosa suona" ridotto poi a "stonato melodioso" per renderlo più fluido.
Fondamentale per la produzione è stata la collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics, che mi ha aiutato a 360°: una studentessa ha disegnato la storyboard, un collega di illustrazione ha regalato una sua opera per la copertina del DVD, il docente di sceneggiatura mi ha aiutato molto nella stesura e quello di motion graphics è stato fondamentale per correggere alcuni fotogrammi. Inoltre vanno citati i musicisti che hanno messo a disposizione la loro musica: Silek e Claudio Cojaniz con i Diavoli Rossi. In particolare Cojaniz, noto pianista jazz, ha assecondato la mia idea nel vedere il girato e comporre sopra alla scena iniziale (dove uno dei ragazzi scrive sulla tastiera) una melodia in modo tale da dare la sensazione che il ragazzo stesso suonasse: ne è venuta fuori una scena che a me piace molto in cui la musica va un po' fuori tempo e tentenna, si percepisce la forza e l'esitazione che sono rappresentanti dei ragazzi stessi, appunto "stonato melodioso". "

Ed ecco a voi il cortometraggio "Stonato Melodioso":

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...